ROBERT-ENO

ROBERT-ENO RELIGHT

BIOGRAPHY

ROBERT ENO RELIGHT (Robertino DJ), apart from being the fundamental producer of the Relight Orchestra project and musical director of all their relative shows both in Italy and abroad, is also one of the historic House DJ’s from the Adriatic Riviera, resident DJ at Pineta when it was the best Italian club (1998-2006) and playing in all the most fashion discoteques in Italy (Peter Pan, Pascià & Byblos in Riccione, Gilda in Rome, Des Alpes in Madonna di Campiglio, Fidelio in Milan, La Praja in Gallipoli, La Mela in Naples, JKO in Cagliari, Victory Morgana in Sanremo…).
With Relight Orchestra project he’s still performing on the best international stages, playing house music mixed with personal productions and live improvisations by Mark Lanzetta on violin and laser harp: a unique live / dj set acclaimed in Miami, Moscow, Sharm el Sheikh, Ukraine, Switzerland, Turkey, Montenegro…
An economics graduate, he is well known for his extraordinary music culture that enables him to program the sounds for absolutely any genre and any public. It is no wonder that he was chosen as the DJ for artistic events in Venice Casinò and in Gardaland Park, to help celebrate the 40 years anniversary in front of more than 40.000 people.
Since 2006 he is also been the artistic director for parties and events at one of the leading beaches in Marina di Ravenna as well as being a consultant for Papeete in Milano Marittima (organizing events and collaborating with SONY Music along with jazz-lounge compilations), and the resident Dj of Energy staff (Cesenatico).
Being the manager and the style selector for Relight Orchestra project, according to Mark Lanzetta artistic view, he is everyday dealing with international partners for music production: recently they produced songs with Margareth Menezes (the brazilian star singing “Elegibo” and other evergreen hits for Relight project such as “Mama Africa” and “A luz de Tieta” on Sony/Epic USA), Santa Esmeralda / Leroy Gomez (for “Don’t let me be misunderstood” & “Gloria” official remixes), Claudja Barry (the disco diva from Salsoul Records), Traks (for new version of the hit “Long train running”), the top DJ Gregor Salto…. and so on.
After a 30-years career, Robert Eno is more and more appreciated in the international music scene.

 

BIOGRAFIA

“ ROBERT-ENO RELIGHT, per gli amici Robertino Dj, all’anagrafe Roberto Salaroli ….è fra i più acclamati artisti italiani e, specie negli ultimi 10 anni, ha dato un importante contributo allo sviluppo della musica dance in Italia, grazie al progetto Relight Orchestra, oltre che ai numerosi Dj set in locali importanti in tutto il mondo….” (BMM Magazine)

Produttore, autore e manager del progetto discografico Relight Orchestra, insieme a Mark Lanzetta (e Alex Montana nel primo periodo), dal 2001 continua a realizzare brani come “For your love”, “Going back to my roots”, “Remedios, “Olodum”, “Superstar” …. che dai club arrivano alle radio, alle tv, fino al grande pubblico internazionale. La super hit “Elegibo” è un evergreen dal 2006 con oltre 10 milioni di streaming.
La sua produzione discografica con Relight vanta 3 cd album, 2 premi “Nightstar” come “Best Italian Dj-producer”, un catalogo con le migliori etichette indipendenti e multinazionali (Sony Music, Universal e Warner), con la collaborazione di grossi nomi internazionali. Oltre alla star brasiliana Margareth Menez (interprete di “Elegibo”) è doveroso citare Santa Esmeralda /Leroy Gomez (per il remake dei propri classici “Don’t let me be misunderstood” e “Gloria”), Claudja Barry (Giamaica), Ronnie Jones (USA), Rinat Bar (Israele), David Laudat (UK), Carlos El Rumbero (Gipsy Kings family), Traks (per la mega hit “Long train running”) e la regina della disco italiana Rettore (per i remix ufficiali quarantennali di “Splendido splendente”)
Vivendo in Riviera Adriatica, Robert-Eno da sempre contribuisce al successo dei migliori locali romagnoli: dai club dell’entroterra al Pineta nel periodo di maggior splendore (98 – 2006), dal Papeete di Milano Marittima ai migliori club di Rimini e Riccione (Prince, Byblos, Peter Pan…), dal Donna Rosa a Marina di Ravenna,di cui cura la programmazione artistica con grande successo dal 2006, all’Energy di Cesenatico, di cui è DJ resident nel format per adulti “Over 30”.

La sua cultura musicale è così vasta che è in grado di programmare intere serate specializzate, in tantissimi generi alternativi: house music in tutte le sue forme, disco anni 70-80, r’nb e dance dai 90 ad oggi, jazz, rock e etnico … La sua esperienza in studio di registrazione gli permette inoltre di personalizzare i propri set rivisitando i grandi classici e il pop del momento per poterli proporre insieme all’elettronica di qualità. Il suo stile musicale è sempre stato considerato “fashion”, ossia energico e alla moda, con ampio consenso fra i giovani più eleganti e fra gli adulti con un gusto melodico più raffinato.

Anche negli spettacoli di Relight Orchestra Robert Eno esprime cultura e qualità, perché al suo DJ set si sommano le improvvisazioni dal vivo di Mark Lanzetta (violino, voce e arpa laser) creando un spettacolo unico nel suo genere, tutto da ballare e da vedere: un mix perfetto fra elettronica e improvvisazioni dal vivo, fra classicismo e modernità, acclamato sia nei club internazionali (da Mosca, a Miami, dalla Svizzera, alla Turchia, dall’Egitto all’Ucraina…) sia negli eventi privati più importanti (Jaguar, Mercedes, Toyota, Fiat, Formula Uno, Casino di Venezia, Gardaland, Festival di Sanremo, presentazione Iqos …)

Dalle interviste nazionali (Radio DeeJay, Match Music, Studio Più, Enjoy TV) alle radio e palcoscenici esteri, dalla partecipazione a Italia’s Got Talent 2012 agli articoli di giornale (Max, Resto del Carlino, Corriere…), dalla sigla dell’Eredità su RAI 1 alla colonna sonora del film Disney “Berni il giovane faraone”, la carriera di Robert Eno ogni anno è in continua ascesa da più di 30 anni!

 

PARLO DI ME

Sono stato molto fortunato a nascere nel 70 in Romagna, perché negli anni 80 la Riviera Adriatica era, a livello Italiano, la zona più ricca di discoteche ed emittenti radiofoniche, dove ho potuto ascoltare musica dance mixata fin da adolescente. A 16 anni decisi di bussare alle porte di una piccola radio Forlivese per imparare. Non avevo la possibilità economica di comprare i giradischi, ma appena accantonavo due risparmi correvo a comprare un vinile.

Dopo qualche mese di prove feci le mie prime feste con la radio, ero il DJ più giovane, da lì il nome Robertino. Appena maggiorenne, il mio esordio al Bul Bul, un locale da 4000 persone a Castrocaro Terme. Nell88 avevo 18 anni, ero in quarta liceo scientifico e lavoravo 4 sere a settimana, con grossa preoccupazione dei professori, ma poi conclusi la scuola col massimo dei voti e successivamente l’Università in Economia e Commercio a Bologna a pieni voti, nonostante una decina di esami sostenuti senza essere andato a letto, dopo una nottata di lavoro….

I miei esordi coincisero con un periodo fantastico per la musica dance: oltre alla disco music a fine anni 80 arrivò l’house music americana e contemporaneamente erano di moda i movimenti vintage, come il Rock’a’billy che celebrava gli anni 50/60 o qualche anno dopo l’Acid Jazz che ripescava nelle rarità dei primi anni 70 …. in pratica con la mia matrice culturale, dalla disco anni 70-80 al rock, dalla musica etnica al rap e all’elettronica, a 20 anni ero già in grado di fare intere serate di qualsiasi genere e periodo musicale. In pochi anni divenni uno dei Dj resident più richiesti in Romagna: Empyre (Forlì), Le Scimmie (Faenza), Thai e Zorro (Milano Marittima / Cervia) 

Appena finiti gli studi iniziai a lavorare come addetto marketing ed estero presso la distribuzione discografica “Dee Jay Mix” a Cesena e in poco tempo mi trovai anche a collaborare con l’annesso studio di registrazione dove il musicista era Mark Lanzetta, il mio futuro socio Relight. All’inizio pensavo che quella del dj fosse una passione momentanea per pagarmi gli studi, ma poi mi resi conto che la Musica era l’unica arte che riusciva ad appagare entrambe le mie vocazioni, matematiche e umanistiche. Non ho mai avuto il carattere esuberante di molti Dj, però ho una percezione superiore delle frequenze sonore e una sensibilità altissima nel riconoscere se la gente si sta divertendo. Non ho mai provato una scaletta musicale perché io “suono” per il pubblico, non per i gestori o per me stesso. Improvviso sempre, non mi limito ad accontentare, bensì cerco di sorprendere ed emozionare chi ho davanti, a prescindere dal genere musicale. Spesso più di un cliente a fine serata mi ringrazia visibilmente appagato e questo per me è una soddisfazione irrinunciabile. Nella mia vita in più di 30 anni di attività continuativa, ad una media di 3 sere a settimana, ho fatto ballare e regalato emozioni a più di 5 milioni di persone, e questo è impagabile…. Talvolta i gestori sono titubanti e restii ai miei cambiamenti di linea, ma quando vedono che io sono in sintonia col pubblico e che la serata cresce, poi mi danno carta bianca.

Nel 1998 il Pineta di Milano Marittima rinnovò e vedendo i risultati negli altri locali in zona, mi ingaggiò come DJ resident nelle serate del martedì e sabato. Nonostante le indicazioni contrarie del titolare, anche qui cambiai completamente l’impostazione musicale, proponendo un programma di House music senza rallentamenti di ritmo, più energico rispetto ai locali trendy Riccionesi, con il vocalist che incitava la gente come mai si era sentito prima, e il pubblico che rimaneva euforico fino all’alba. L’impatto fu devastante: in un anno il turismo d’élite si spostò da Riccione a Milano Marittima, insieme ai vacanzieri e ai VIP che ogni weekend arrivavano da tutta Italia. Il Pineta era su tutti i giornali e il nostro stile musicale fu ben presto imitato ovunque, tanto che soppiantò l’euro dance commerciale che nei primi anni 2000 si sentiva in radio. In qualità di produttore, oltre a presentare le produzioni Relight in anteprima, avevo la possibilità di adattare i brani in studio, per cui tutta Italia seguiva le dirette radio per imitare il nostro suono esclusivo. Essendo il DJ/produttore resident, mi fu affidata la selezione del primo CD compilation del locale, sul quale definii col nome “Fashion House Music” il genere musicale, e ben presto diventò un marchio di fabbrica per tutti noi artisti che ci lavoravamo. Non eravamo DJ di tendenza e nemmeno commerciali, eravamo DJ “fashion” e tutti i locali d’Italia ci ingaggiavano per portare il nostro tipo di suono energico ma raffinato, perché richiestissimo dai clienti di tutta la penisola che erano stati in vacanza a Milano Marittima. 

 

 

Ovviamente fra serate al Pineta e fuori regione non potevo continuare il lavoro diurno al Dee Jay Mix e quindi mi attrezzai per avere un piccolo studio per produrre musica da solo, e fu proprio nel mio pc che realizzai la base di For Your Love, utilizzando solo campionamenti audio da dischi, e la feci ascoltare all’amico produttore compaesano Alex Montana che mi propose di realizzarlo insieme. Essendo un arrangiamento orchestrale anni 70 rivisitato, decisi di dare un nome simpatico Robert Eno Light Orchestra (abbreviato R.E. Light Orchestra, in seguito semplificato in Relight Orchestra), che era una maniera buffa di tradurre in inglese “Robertino e la sua Orchestra” (nota orchestrina “leggera” romagnola). Il progetto uscì con l’etichetta multinazionale UNIVERSAL, come i successivi 3 singoli, e fu un grande successo nei media e nei club.

 

 

Nei primi anni 2000 avevo già lavorato come dj in giro per l’Italia, e anche il progetto Relight andava alla grande; il nostro brano del 2005 “Going back to my roots” era diventato sigla del programma “Markette” con Piero Chiambretti su LA7. Avevamo studiato uno spettacolo degno del nome “Orchestra”, perché ci esibivamo nei locali come una band dal vivo, con la differenza che io mixavo le nostre basi in mezzo ai dischi di house music del momento, e i musicisti improvvisavano dal vivo. Di base eravamo io, Alex Montana alla voce e percussioni e Mark Lanzetta, il mio socio storico, entrato anche lui nel progetto Relight come violinista e produttore.

Nonostante il succsso discografico, le interviste e gli articoli di giornale per Relight (Max, Resto del carlino…), per molti locali io però rimanevo sempre “Robertino from Pineta”, e quindi quando nel 2006 realizzammo “Elegibo” decisi di lasciare il locale a Milano Marittima e di utilizzare solo il nome discografico Robert Eno, che in inglese suona come Robertino in Italiano. Fu un salto nel buio molto rischioso ma in realtà si rivelò la mia fortuna artistica perché come DJ senza locali vincolanti, ho potuto esibirmi anche all’estero e concentrarmi sulle produzioni.

 

 

 

 

 

 

Essere premiato qualche anno dopo come miglior produttore e progetto dance in Italia (Nightstar awards 2008 e 2009) è stato un po’ il coronamento di tutti i miei studi di marketing applicati alla musica … Veder scritto sulla rivista BMM che con le mie produzioni e spettacoli ho influenzato il mercato dance italiano anni 2000, è stato ancor di più gratificante di un premio. Tutto ciò che è arrivato poi con Relight, da Italia’s Got Talent a Miami, Mosca, la Svizzera, l’Egitto, il tour in Turchia, la sigla dell’Eredità nel 2013, le innumerevoli date e le produzioni di successo sono merito di tutto il gruppo, sono la concretizzazione di un’idea e filosofia culturale che vede la buona musica sempre in primo piano rispetto ai singoli.

 

 

Essere premiato qualche anno dopo come miglior produttore e progetto dance in Italia (Nightstar awards 2008 e 2009) è stato un po’ il coronamento di tutti i miei studi di marketing applicati alla musica … Veder scritto sulla rivista BMM che con le mie produzioni e spettacoli ho influenzato il mercato dance italiano anni 2000, è stato ancor di più gratificante di un premio. Tutto ciò che è arrivato poi con Relight, da Italia’s Got Talent a Miami, Mosca, la Svizzera, l’Egitto, il tour in Turchia, la sigla dell’Eredità nel 2013, le innumerevoli date e le produzioni di successo sono merito di tutto il gruppo, sono la concretizzazione di un’idea e filosofia culturale che vede la buona musica sempre in primo piano rispetto ai singoli.

 

 

Oggi il nostro progetto di rivalutazione culturale vanta nomi internazionali importantissimi: dagli evergreen di Margareth Menezes a quelli di Santa Esmeralda, dalla diva della disco music americana Claudja Barry alla regina del pop italiano Rettore, che ci ha affidato il progetto di remix celebrativi per i 40 anni di “Splendido splendente”

Anche grandi aziende e personaggi nazionali si sono rivolti a noi Relight per i propri eventi. Suonare per pochi invitati in un party privato, per centinaia di persone in un club, per migliaia in una piazza o per 40.000 persone all’evento dei 40 anni di Gardaland per me è la stessa adrenalina che cerco di tradurre in emozioni per il pubblico. Con Relight è ancora più facile grazie alle performance dal vivo di Mark Lanzetta che è sempre ad altissimi livelli, e per merito anche degli eventuali musicisti che collaborano con noi in alcuni eventi.

 

 

Con oltre 30 anni di esperienza non ho mai perso la voglia di aggiornarmi e rimettermi in gioco, anzi oggi sono attivo in più settori culturali musicali. Oltre al progetto Relight, cerco di trasmettere insegnamenti ai dj emergenti durante corsi e programmi.  Ho collaborato col Papeete e Sony music per produrre compilation lounge – jazz.  Da ormai 13 anni imposto musicalmente e artisticamente il martedì al Donna Rosa Beach di Marina di Ravenna, dove la gente si aggrega spontaneamente in spiaggia ogni estate, per ascoltare house music di qualità (caso ormai unico nel clubbing Italiano!).

 

 

 

 

Infine da qualche anno sono il DJ resident del progetto “Over 30” che ha base presso la discoteca Energy di Cesenatico, e che è già diventato un riferimento per le serate con pubblico adulto in Romagna e non solo, un vero e proprio antidoto contro la crisi dei locali, come successe 20 anni fa con l’avvento del “Fashion”

 

 

Come vedete mi piace costruire in vari settori: arte, cultura, intrattenimento, marketing .. Come ho fatto ad ottenere più volte risultati clamorosi? Collaboro con persone di buon gusto, che non si accontentano, e che per avere di più sono disposte anche a leggere fino in fondo questa mia lunga storia!

 

 

 

 

 

 

Segui Robert-Eno su  facebook